Prove di Regime


mussoliniberlusconi4he9xfrSarà anche un errore mio chiamarle “prove” perchè sono ormai prettamente sicuro del fatto che siamo in dirittura d’arrivo.

Ci siamo quasi.

Il controllo della magistratura, della stampa, della TV, di una squadra di calcio, e di più della metà del Parlamento lo hanno ormai consacrato all’appellativo di Benito.

Nell’ultimo anno è riuscito a stabilire: che la sua figura non potesse essere sottoposta a processo penale, qualunque sia il reato; che una sentenza della Cassazione può essere cambiata a suo piacimento; che se il capo dello stato non firma il decreto, è un ostacolo alla governabilità e la costituzione è oramai bolscevica e filo-sovietica; se la stessa Costituzione gli impedisce di decretare su quel che gli pare, bisogna cambiarla.

Ora si è inventato l’ultima carnevalata, l’ultima chicca del regime.

Il parlamento gli fa perder tempo, con tutti quei deputati e senatori e allora propone di far votare solo i capigruppo per evitare “sorprese”. La costituzione prevede però il voto del singolo parlamentare “senza vincolo di mandato”, ma lui se ne strafotte. Inoltre con la legge D’alia prova ad imbavagliare la rete ed i Blog, e con le ronde tenta di occupare le città. Se gli operai FIAT protestano, gli scioperi diventano “selvaggi” e vanno modificati. Ed infine, dopo la rinuncia di De Bortoli, vuole scegliere anchei l presidente RAI, che spetterebbe all’opposizione.

Ma si sa, lui vuol’essere un grande statista.

Annunci
  1. No trackbacks yet.

Devi essere connesso per inviare un commento.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: